PEC: mbac-sab-tos[at]mailcert.beniculturali.it   E-Mail: sab-tos[at]beniculturali.it   Tel: (+39) 055 / 271111

Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

La sede dell'Istituto Nazionale Ciechi a Firenze


Aurelio Nicolodi


L'INVENTARIAZIONE DELL'ARCHIVIO DELL'ISTITUTO NAZIONALE DEI CIECHI DI FIRENZE

In occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, istituita dall'ONU nel 1992, che si celebra il 3 dicembre, la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana annuncia che di recente ha autorizzato l’intervento di schedatura e ordinamento dell’archivio del disciolto Istituto Nazionale dei Ciechi, dove sono conservate le carte relative alle attività della scuola, all’organizzazione del convitto, ai corsi di avviamento al lavoro, alla stamperia braille.

L’archivio, di proprietà del Comune di Firenze, si trova nell’Istituto Nazionale per i ciechi dal 1931, anno della sua fondazione. L’inventario renderà possibile la consultazione di un archivio che abbraccia oltre un secolo e conserva documenti di grande interesse perché testimoniano le iniziative a tutela della disabilità, ricostruendo il percorso di affrancamento dei non vedenti da forme di aiuto meramente assistenziali alla conquista di una autonomia personale attraverso l’istruzione e il lavoro.

Uno dei più convinti e attivi fautori dell’emancipazione dei disabili fu Aurelio Nicolodi (1894 – 1950), che svolse gran parte della sua attività a Firenze (il suo archivio personale è conservato nell’Archivio di Stato di Firenze) e a lui l’Istituto fu intitolato alla metà del secolo scorso. Dopo aver perso la vista per una ferita riportata nella grande guerra, fu uno dei promotori dell’Associazione nazionale ciechi di guerra e poi dell’Unione Italiana ciechi. 

L'impegno di Nicolodi a favore dell’autonomia personale e dell’indipendenza economica dei ciechi si concretizzò in numerose iniziative che improntarono fortemente l’attività dell’Istituto. Fra queste si ricordano l’impianto di una stamperia in braille, la creazione di una biblioteca interna all’Istituto e l’organizzazione di numerosi percorsi di avviamento al lavoro per i ciechi e gli ipovedenti.



Ultimo aggiornamento: 05/03/2021